HOME / NOTIZIE / LA VOCE DEL PENSIONATO

 

Richiesta di “restituzione” dello 0,1% dell’assegno pensionistico

03/01/2017



Da febbraio per i successivi quattro mesi, tutti i pensionati potrebbero essere costretti a restituire allo Stato parte della rivalutazione degli assegni risalente all'anno 2015. Lo confermano fonti dell’Istituto di Previdenza Nazionale. Nello specifico, in quell'anno sono state erogate cifre per le pensioni superiori dello 0,1% a quanto effettivamente dovuto, da qui la restituzione per la differenza fra l’inflazione programmata (0,3%) e quella consuntiva (0,2%). L’Inps sottolinea che si tratta comunque di importi molto bassi: Nel caso di una pensione di 1.000 euro al mese la perdita sarà di 13 euro all'anno mentre per la pensione minima la perdita sarà di 6,50 cent. di euro.