HOME / NOTIZIE / NAZIONALI

 

Confronto sulle pensioni

27/01/2020


Oggi è partito il confronto sulle pensioni e la revisione della Legge Fornero. Per la Cisl sono presenti il Segretario generale aggiunto Luigi Sbarra e il Segretario confederale Ignazio Ganga. Per la Fnp Cisl Gigi Bonfanti.  La Cisl ha sottolineato come il lavoro debba essere la radice di un buon sistema previdenziale e che solo incrementando l’occupazione sarà possibile garantire l’equilibrio di un sistema che, accanto alla sostenibilità economica, deve recuperare, rispetto alle precedenti riforme, elementi di sostenibilità sociale. Inoltre, ha sottolineato che i risparmi che derivano da norme previdenziali dovrebbero sempre essere destinati alla previdenza e che i lavori non sono tutti uguali ed è quindi necessario riconoscere le differenze anche a livello previdenziale. A questo fine è stata sollecitata l’attivazione delle due Commissioni di studio sui lavori gravosi e sulla spesa assistenziale e previdenziale, previste nella legge di bilancio. La Cisl ha altresì sottolineato la necessità di regole stabili, che tornino a dare fiducia ai lavoratori, come la possibilità di andare in pensione a partire dai 62 anni senza ricalcolo contributivo e, in alternativa, con 41 anni di contributi senza limiti di età, oltre alla stabilizzazione dell’Ape sociale. All’interno della ridefinizione delle regole del sistema previdenziale, particolare attenzione deve essere inoltre prestata alle donne, a chi svolge lavori discontinui e ai giovani, al rilancio della previdenza complementare, all’adeguatezza della rivalutazione delle pensioni e alla definizione di una legge sulla non autosufficienza. Inoltre, sono stati posti all’attenzione della Ministra la necessità di trovare in tempi rapidi soluzioni per i lavoratori “esodati”, in part-time verticale e per gli iscritti al Fondo esattoriali.


Accogliendo la richiesta della Cisl, la Ministra ha poi fissato nel mese di febbraio alcuni incontri per approfondimenti tematici:
Lunedì 3: “pensione di garanzia per i giovani”;
Venerdì 7: rivalutazione delle pensioni secondo un nuovo paniere da definire e allargamento platea/importo della 14^ mensilità;
Lunedì 10: flessibilità nell’accesso alla pensione e nuove regole di anticipo per le donne;
Mercoledì 19: previdenza complementare.
Successivamente sarà comunicata una data per affrontare la proposta di una legge sulla “non autosufficienza”.

L’obiettivo dichiarato è quello di arrivare alla definizione di un quadro complessivo di proposte in tempo utile per la presentazione della Nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza nel mese di settembre, con una verifica preventiva dello stato dei lavori fin dal mese di marzo e una nuova convocazione del Tavolo per una complessiva sintesi politica.