HOME / NOTIZIE / NAZIONALI

 

Violenza donne

21/04/2020


In questi giorni, tra le atre notizie che ci colpiscono, affiorano episodi di violenza tra le mura domestiche.
Le donne continuano ad essere, purtroppo, le vittime di efferati crimini.

Vogliamo segnalare che nel frattempo, è giunto all'esame consultivo parlamentare l'Atto del Governo n.163 concernente le misure di sostegno a favore degli orfani minorenni vittime di crimini di violenza domestica e di genere e di aiuto alle loro famiglie affidatarie.

Si tratta di un regolamento redatto dal Ministero dell'Economia e delle finanze, scaturito dalla legge 205/2017. Lo schema ministeriale precisa nel dettagli i soggetti a cui vanno i vari sostegni:

- gli orfani per crimini di genere;

- le famiglie affidatarie di tali minorenni.

Le misure di cui beneficeranno sono:

- borse di studio;

- frequenze (gratuita o semi-gratuita) di convitti o istituzioni educative in generale;

- spese mediche e assistenziali;

- orientamento della formazione professionale;

- inserimento nel mondo del lavoro.

Le risorse provengono dal “Fondo di rotazione per solidarietà” Disciplinato dal D.P.R. n.60 del 2014, che ottempera la direttiva europea n.2004/80/C.E.

Tale direttiva è stata successivamente recepita nella legge 122/16 che ha previsto il diritto ad indennizzo a carico dello Stato per le vittime di un reato doloso con violenza alla persona. Tale sostegno è assicurato alle vittime dei reati di violenza sessuale e di omicidio e, in particolare, ai figli della vittima in caso di omicidio commesso dal coniuge (anche separato o divorziato) o da persona che sia o sia stato/a legata da relazione affettiva alla persona offesa.

Successivamente l'Art.11 della legge 4/18 ha incluso esplicitamente trai beneficiari anche gli “orfani per crimini domestici”, gli “orfani di madre” in seguito a stalking, violenza sessuale e omicidio.
Si ricorda che la legge 69/19 (cd. “Codice Rosso”) ha incrementato con l'Art.8 le risorse del fondo destinate alle famiglie affidatarie di 5 milioni di euro per l'anno 2020.


Si  ringrazia la FNP   

fonte sito FNP - sito www.pensionati.cisl.it